201306.30
Off
0

Tutte le novità in materia di edilizia dal decreto Fare: introdotto il silenzio-assenso ai fini del permesso di costruire. Prorogati i termini di efficacia temporale del titolo edilizio

Il D.L. 69/2013 interviene altresì sul D.P.R. 380/2001 nell’intento di semplificare i procedimenti amministrativi per ottenere i relativi titoli edilizi. Tra le novità di un certo rilievo si segnala un ampliamento del concetto di “interventi di ristrutturazione edilizia”, ricomprendendovi sia gli interventi consistenti nella demolizione e ricostruzione con la stessa volumetria di quello preesistente, senza che occorra anche che la sagoma sia la stessa, nonché «nonché quelli volti al ripristino di edifici, o parti di essi, eventualmente crollati o demoliti, attraverso la loro ricostruzione, purché sia possibile accertarne la preesistente consistenza. Rimane fermo che, con riferimento agli immobili sottoposti a vincoli ai sensi del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 e successive modificazioni, gli interventi di demolizione e ricostruzione e gli interventi di ripristino di edifici crollati o demoliti costituiscono interventi di ristrutturazione edilizia soltanto ove sia rispettata la medesima sagoma dell’edificio preesistente».

Si interviene altresì sull’art. 20 del T.U. introducendo il silenzio-assenso ai fini del rilascio del permesso di costruire. Il nuovo art. 20, co. 8, del D.P.R. 380/2001 recita infatti che “decorso inutilmente il termine per l’adozione del provvedimento conclusivo, ove il dirigente o il responsabile dell’ufficio non abbia opposto motivato diniego, sulla domanda di permesso di costruire si intende formato il silenzio-assenso, fatti salvi i casi in cui sussistano vincoli ambientali, paesaggistici o culturali, per i quali si applicano le disposizioni di cui al comma 9”; in quest’ultimo caso, ossia “qualora l’immobile oggetto dell’intervento sia sottoposto a vincoli ambientali, paesaggistici o culturali, il termine di cui al comma 6 decorre dal rilascio del relativo atto di assenso, il procedimento è concluso con l’adozione di un provvedimento espresso e si applica quanto previsto dall’articolo 2 della legge 7 agosto 1990, n. 241, e successive modificazioni”, con la possibilità, pertanto, di chiedere l’intervento in via sostitutiva del responsabile dell’ufficio.

È stato inserito un nuovo articolo nel corpo del D.P.R. 380/2001, art. 23-bis – Autorizzazioni preliminari alla segnalazione certificata di inizio attività e alla comunicazione dell’inizio dei lavori – per cui nei casi in cui si applica la disciplina della segnalazione certificata di inizio attività, prima della presentazione della segnalazione, l’interessato può richiedere allo sportello unico di provvedere all’acquisizione di tutti gli atti di assenso, comunque denominati, necessari per l’intervento edilizio, o presentare istanza di acquisizione dei medesimi atti di assenso contestualmente alla segnalazione. In caso di presentazione contestuale della segnalazione certificata di inizio attività e dell’istanza di acquisizione di tutti gli atti di assenso, comunque denominati, necessari per l’intervento edilizio, l’interessato può dare inizio ai lavori solo dopo la comunicazione da parte dello sportello unico dell’avvenuta acquisizione dei medesimi atti di assenso o dell’esito positivo della conferenza di servizi.

Infine, ferma restando la diversa disciplina regionale, previa comunicazione del soggetto interessato, sono prorogati di due anni i termini di inizio e di ultimazione dei lavori di cui all’articolo 15 del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, come indicati nei titoli abilitativi rilasciati o comunque formatisi antecedentemente all’entrata in vigore del presente decreto. Decreto Fare – misure di semplificazione amministrativa