201510.05
0
0

Onere della prova in ordine all’ultimazione delle opere

Ricade sul privato l’onere della prova in ordine alla ultimazione delle opere edilizie. Ciò, in quanto soltanto l’interessato può fornire inconfutabili atti, documenti ed elementi probatori che siano in grado di radicare la ragionevole certezza dell’epoca di realizzazione di un manufatto. In difetto di tali prove resta pertanto integro il potere dell’amministrazione di negare la…

201509.06
0
0

Per una piscina di quasi mq. 150 occorre il permesso di costruire

Per quanto concerne la realizzazione di una piscina, è decisiva l’osservazione in forza della quale la piscina comporta, in ogni caso, una durevole trasformazione del territorio. L’intervento edilizio in questione, tenendo peraltro conto che la piscina oggetto della segnalazione di inizio attività, pur composta da pennelli prefabbricati, ha la rilevante dimensione di quasi mq. 150,…

201505.27
0
0

Quanto le opera di scavo e livellamento del terreno sono sottoposte a titolo edilizio

Le opere di scavo, di sbancamento e di livellamento del terreno, finalizzate ad usi diversi da quelli agricoli, in quanto incidenti sul tessuto urbanistico del territorio, sono assoggettate a titolo abilitativo edilizio. Ciò che connota l’attività di spianamento libera da quella vincolata ad una preventiva autorizzazione è, dunque, la finalità dell’opera, nel senso che solo…

201503.30
0
0

Sulla efficacia inderogabile dei parametri ex D.m. 2 aprile 1968 n. 1444

Non è condivisibile una lettura “neutralizzante” del ruolo del d.m. 2 aprile 1968 n. 1444, come se gli strumenti urbanistici, in sostanza, potessero disciplinare l’utilizzazione del territorio senza inquadrarsi comunque negli standard urbanistici dettati dal decreto. Invero, il decreto è diretto proprio a regolare – che significa predeterminare in una certa misura – il contenuto…

201502.27
0
0

Volumi edilizi, quali soffitte, stenditoi e locali di sgombero non possono ritenersi “tecnici”

Volumi edilizi, quali soffitte, stenditoi e locali di sgombero che, come ha chiarito la giurisprudenza, non possono ritenersi “tecnici”, poiché in tale nozione rientrano solo i volumi destinati agli impianti tecnici strettamente necessari per consentire i servizi indispensabili all’abitazione (riscaldamento, impianti elettrici ed idraulici, ecc). Per la stessa ragione non possono essere accolte le censure…

201412.28
0
0

Come dimostrare l’epoca dell’abuso

La produzione di una dichiarazione sostitutiva di atto notorio non può assurgere al rango di prova, seppure presuntiva, sull’epoca di anteriore realizzazione dell’abuso edilizio-paesaggistico rispetto al vincolo apposto, in assenza di minimi riscontri documentali o di altri elementi di prova eventualmente anche indiziari ma concordanti. Pertanto, in applicazione del principio generale di cui all’art. 2697…

201411.28
0
0

Che cosa si intende per “edifici circostanti” ex DM 1444/1968

La giurisprudenza ha già affermato che “laddove lo strumento urbanistico comunale prescriva che, in una certa zona di piano, l’altezza massima degli edifici di nuova costruzione non possa superare la media dell’altezza di quelli preesistenti circostanti, tale media non può che limitarsi ai soli edifici limitrofi a quello costruendo, a rischio altrimenti di svuotare la…

201411.28
0
0

Il piazzale non è una pertinenza

La giurisprudenza ha chiarito che la realizzazione di un piazzale attraverso lo spianamento e la deruralizzazione di un’area agricola, pur senza l’esecuzione di opere in muratura (e, quindi, senza incremento di volumi utili), non può essere considerato opera meramente pertinenziale (ai fini urbanistici ed edilizi) e determina comunque una alterazione significativa dell’assetto del territorio rilevante…

201410.28
0
0

Quando la modifica della destinazione d’uso originaria richiede il permesso di costruire

L’esecuzione di opere interne che trasformino l’originaria destinazione di un locale (nella specie un locale cantina destinato a mini-appartamento) integra la fattispecie penale laddove priva di permesso per costruire . Solo laddove la modificazione della destinazione d’uso non sia costituita da opere (anche interne) può ritenersi sufficiente la semplice D.I.A. (oggi S.C.I.A.). Cass. pen., sentenza…