201906.22
0
0

Abbandono di rifiuti da parte di terzi: il proprietario dell’area è responsabile solo se è dimostrato il suo contributo causale e consapevole all’illecito altrui

Cass. pen., Sez. III, sentenza n. 13606 del 28.03.2019 La responsabilità del proprietario di un fondo, per illecita gestione di rifiuti ivi abbandonati da ignoti, è subordinata alla specificazione del contributo causale consapevolmente fornito all’illecito altrui, quand’anche egli non abbia adempiuto all’ordinanza sindacale di rimozione dei rifiuti. Si contestava agli imputati di aver gestito i…

201906.22
0
0

L’omessa o inesatta compilazione dei formulari, in caso di rifiuti non pericolosi, non costituisce reato

Cass. pen. Sez. III, sentenza n. 12737 del 22.03.2019 L’art. 256 T.U.Amb., la cui ratio sottesa è quella di sanzionare tutte quelle condotte nell’ambito della gestione dei rifiuti espletate in assenza di autorizzazione, iscrizione o comunicazione, non può trovare applicazione analogica in fattispecie diverse, quale è certamente l’omessa compilazione dei formulari di identificazione dei rifiuti…

201905.12
0
0

Quali benefici ai fini TARI sono previsti per i produttori di rifiuti speciali che non si avvalgono del servizio pubblico di raccolta?

T.A.R. Campania, Sez. I, sentenza n. 125 del 9.01.2019 L’art. 1, comma 649 della L. n. 147/2013 dispone che nella determinazione della superficie assoggettabile alla TARI non si tiene conto di quella parte di essa ove si formano, in via continuativa e prevalente, rifiuti speciali non assimilabili agli urbani, al cui smaltimento sono tenuti a…

201905.12
0
0

Superamento dei limiti quantitativi: è violazione delle prescrizioni amministrative o reato di gestione di rifiuti senza autorizzazione?

Cass. pen., Sez. III, sentenza n. 6717 del 12.02.2019 E’ configurabile il reato di gestione non autorizzata di rifiuti e non la meno grave infrazione di inosservanza delle prescrizioni amministrative nel caso di utilizzo di un’area diversa da quella autorizzata, ovvero per quantitativi superiori a quelli autorizzati. Il gestore di un impianto di rifiuti è…

201809.08
0
0

Quali valori limite per idrocarburi e fenoli nei fanghi di depurazione?

La mancata presenza di una norma specifica, all’interno del D.Lgs. n. 99/1992, riguardante la concentrazione di idrocarburi e fenoli nei fanghi ad uso agricolo, sebbene non comporti l’assoluto divieto di utilizzo di tali fanghi ogniqualvolta si riscontri in essi la presenza di tali sostanze … T.A.R. Lombardia, Milano, Sez. III, sentenza del 20.07.2018 (per il…

201809.08
0
0

Rifiuti da amianto: sono tali anche senza pericolo di dispersione di fibre

La l. 257/1992 contiene disposizioni speciali in materia di rifiuti da amianto, con la conseguenza che la disciplina generale di cui al d. lgs. n. 152/2006 sarà applicabile … Cass. pen., Sez. III, sentenza n. 31398 del 10.07.2018 (per il commento integrale alla sentenza, Rassegna mensile della Giurisprudenza a cura di Salvatore Casarrubia, Rivista Ambiente&Sicurezza…

201809.08
0
0

Il rifiuto pericoloso ‘sul piano oggettivo’

Ai fini della qualificazione giuridica di un rifiuto come pericoloso non è necessaria la preventiva analisi da parte dell’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente (ARPA) … Cass. pen., Sez. III, sentenza del 04.07.2018 (per il commento integrale alla sentenza, Rassegna mensile della Giurisprudenza a cura di Salvatore Casarrubia, Rivista Ambiente&Sicurezza sul Lavoro, settembre 2018 ED….

201809.08
0
0

Fatto del dipendente: non sempre è responsabile il titolare dell’azienda

I titolari e i responsabili di enti ed imprese rispondono del reato di abbandono incontrollato di rifiuti non solo a titolo commissivo, ma anche sotto il profilo della omessa vigilanza sull’operato dei dipendenti … Cass. pen., Sez. III, sentenza del 20.06.2018 (per il commento integrale alla sentenza, Rassegna mensile della Giurisprudenza a cura di Salvatore…